Lo Smartphone: il cordone ombelicale digitale. Comprendere e sfruttare le potenzialità tecnologiche che abbiamo attualmente.

Paolo Zanzottera
Shiny Srl

Sabato 2 Dicembre dalle 10:10 alle 10:50

Sala Plenaria

Lo smartphone è ben di più di un browser in mobilità o una manciata di applicazioni: è il punto d’unione tra mondo analogico e mondo digitale, è la fusione stessa di questi due mondi, è il principale elemento che ha mescolato online e offline e ci fa vivere costantemente connessi. Spesso la “strategia mobile” delle aziende si limita alla creazione di un sito responsive, ma gli smartphone sono molto di più soprattutto per tutti i soggetti che hanno una presenza fisica sul territorio. Il futuro del marketing e della comunicazione passa attraverso i dispositivi mobili e la concorrenza in alcuni settori come il retail o la mobilità urbana avverrà soprattutto a “colpi di smartphone”. È fondamentale quindi che le aziende comprendano le potenzialità dello strumento e le possibilità di misurazione che esistono di modo da creare una "mobile strategy” che vada oltre il “ho fatto il sito responsive, sono a posto con gli smartphone”

Gli Appunti degli esperti


L'elevata profilazione che si ottiene dell'integrazione fra le analitiche interazione < > cookies < > CRM permette di identificare effetivamente le identità, questo è perfetto e ottimizza gli investimenti (fantastico!).

Il marketing è CREAZIONE DI DOMANDA quindi anche una comunicazione di quantità non è da escludere (Paolo ha fatto riferimento che analizzando i cookies e gli interessi si possono scoprire nicchie nuove impensabili.. esatto, ma per trovarle dobbiamo passare attraverso a una comunicazione di "massa" altrimenti ci precludiamo questa scelta perché saremo visibili solo alla nostra nicchia e/o a quelle più vicine, perdendoci tutto il resto).

Michele De Capitani


Spesso quando si usa un servizio di terze parti gratuito, in realtà stiamo pagando in “dati”, nel senso che noi utenti “paghiamo” questi servizi fornendo informazioni sulle nostre preferenze.

Esiste un’estensione di Chrome chiamata “Ghostery” che permette di sapere che dati di profilazione vengono usati dal sito che stiamo navigando https://chrome.google.com/webstore/detail/ghostery/mlomiejdfkolichcflejclcbmpeaniij?hl=it

Riccardo Perini


Tanti siti utilizzano strumenti pre misurarci, per monitorarci, per tracciare le nostre azioni. Per controllare quali tracciatori sta utilizzando il sito che si sta navigando, Paolo suggerisce di installare una estensione per Chrome chiamata Ghostery: https://chrome.google.com/webstore/detail/ghostery/mlomiejdfkolichcflejclcbmpeaniij/related?hl=it.
Questa azione è consigliata anche per controllare quale tracciatore è presente nel vostro sito, in quanto non sempre ne siamo coscienti.

Michele Baldoni