HOT TOPICS del Search Marketing Connect 2018

1: Il tempo speso nel fruire le risorse

Inteso come strategie che aumentano il tempo degli utenti sul sito e ne diminuisce il bounce rate.

3.6
1

Tutte le risposte degli esperti


Non un labirinto, ma un parco giochi! Con questo spirito affronto l'argomento, sempre per quello che serve. Se la persona deve fare una cosa semplice, la deve fare nel minor tempo possibile, non allungare il brodo.

- 4

Non ch'io non guardi il bounce rate, ma dipende troppo spesso dal contesto. Per molti progetti blog un bounce rate alto è la normalità.

- 1

L'obiettivo di far restare gli utenti sul sito è tipico di molti siti ma non di tutti; a volte l'utente raggiunge il proprio obiettivo in poco tempo e non necessita di proseguire con la navigazione. Per quei siti in cui gli utenti tendono naturalmente a spendere più tempo, definire strategie e tattiche volte a incentivare la permanenza ha invece molto senso.

- 4

I segnali utente come il bounce rate sono sotto costante controllo da parte di google è importante lavorarci

- 4

Grazie a queste metriche su Analytics è possibile identificare gruppi di pagine che potrebbero avere problemi e performano peggio di altre simili.

- 4

Dipende dal tipo di contenuto. Un post può avere tempi di lettura veloce, e un long form dovrebbe ovviamente averne lunghi. Più che altro mi concentro nel long click, ovvero nel migliorare le opportunità per cui il lettore passi ad altre pagine del sito invece di abbandonarlo una volta terminata la fruizione della pagina in cui sta.

- 4

Cerco sempre di creare dei testi che siano interessanti per l'utente, nella struttura, nella forma, nelle azioni. Per me è molto importante.

- 4

Si sempre supportato da copy o formando i clienti su temi come la value proposition e buyer personas per fare contenuti su misura.

- 4

Se elementi in pagina, bold ed elenchi puntati ad esempio, aiutano a catturare l'attenzione anche creatività o correlati permettono di far proseguire l'utente nella navigazione del sito con tutti i benefici che ne consegue, ad esempio portarlo a compiere il nostro obiettivo finale.

- 4

Lavoro su questa attività in particolare nelle pagine ben posizionate ma con metriche non ottimali.

- 4

In ambito B2C ritengo l'attività fondamentale,

- 2

Il tempo sul sito non è una metrica rilevante. Sono molto più rilevanti le interazioni dell'utente con gli eventuali richiami all'azione presenti in pagina, così come dati qualitativi come i sondaggi (es. "ti è piaciuto questo contenuto?").

- 1

è il mio lavoro principale, vivo di ricerca, come ispirazione, come crescita

- 5

Basterebbe chiedersi: perchè voglio far arrivare un utente sulla mia pagina web per farlo andare via dopo un nanosecondo? Per nessun motivo. Per cui già in fase di preparazione della struttura del sito, del layout, del calendario editoriale sarà bene mettere cura, tempo, professionalità e pazienza nell'individuare i punti critici che possano spingere un utente ad andarsene.

- 5

Fuori scopo per la mia azienda

- 2

- 4

- 4

- 3

- 4

- 4

- 3

- 4

- 5

- 4

- 4

- 3

- 4

- 3

- 2

- 4

- 4

- 4

- 4